Moduli
· Home
· Abbonati al giornale
· Archivio
· insiemecontroilrazzismo
· Volantini

Chi è Online
In questo momento ci sono, 0 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Languages


English French Italian

Volantini: Libano: una guerra per procura sulla pelle del proletariato
Articolo del 18.07.2006 postato da stradivari --> letture 2280

Reagendo, come a un pretesto da lungo atteso, alle incursioni e agli attacchi missilistici di Hamas prima e di Hezbollah poi, lo Stato di Israele ha scatenato una durissima offensiva militare contro i territori palestinesi occupati e il Libano.

Al terrorismo cinico e brutale dei movimenti reazionari islamici, Israele contrappone un terrorismo di Stato di potenza e devastazione enormemente superiore: centinaia i morti (principalmente fra la popolazione inerme) e miliardi di dollari di danni in territori già martoriati da anni di scontri armati, invasioni, bombardamenti, rastrellamenti.

Hamas ed Hezbollah agiscono finanziati ed armati da Siria e Iran, che attuano così una "guerra per procura" ad Israele. Coi propri attacchi non solo hanno colpito i lavoratori israeliani e le loro famiglie senza sfiorare il grosso della classe dirigente israeliana, vera responsabile delle sofferenze dei palestinesi, né intaccarne minimamente la potenza militare, ma hanno anche coinvolto le popolazioni libanese e palestinese in una nuova guerra sanguinosa, dove a pagare per le azioni delle borghesie locali sono il proletariato arabo e israeliano, usati come carne da cannone o come bersaglio.

Israele ha deliberatamente cacciato centinaia di migliaia di libanesi di tradizione sciita dal Sud del Libano e da Beirut, trasformandoli in profughi, distruggendone case e infrastrutture, per colpire e sradicare Hezbollah. Non bisogno peraltro dimenticare che anche gli stessi che in Libano inneggiano alla causa palestinese privano i profughi palestinesi sul loro territorio dei diritti civili.

Di fronte alla tragedia libanese, le potenze imperialiste si dividono secondo i propri interessi: gli USA spalleggiano l'alleato israeliano, la Germania non lo ostacola, la Russia vuole riprendere piede facendo leva su alcuni Stati della regione, la Francia vuole l'intervento dell'ONU per salvaguardare il governo libanese col quale ha forti legami, l'Italia si propone come mediatrice per rafforzare la propria influenza sul Medio Oriente...
Le borghesia arabe “moderate”aspettano che Israele finisca il “lavoro sporco” di scompaginare i movimenti integralisti longa manus di Iran e Siria, e gruppi sauditi di opposizione (Bin Laden).

Le iniziative diplomatiche dei "potenti" finora non hanno ottenuto una tregua: al G8 di San Pietroburgo è andata in scena l'inconcludenza, a Roma ci si è accordati per l'invio di una forza di pace, ma non sull'imposizione di una tregua. I caschi blu arriveranno quindi dopo il completamento di distruzioni e massacri e ne garantiranno i risultati: la guerra civile degli anni '80 non è stata fermata dall'invio di truppe; la presenza militare italiana presso i campi profughi di Sabra e Chatila non impedì i massacri di migliaia di palestinesi inermi nell'82. L'unico scopo dell'invio di truppe “ONU” da parte dei vari Stati sarà, come in passato, quello di aumentare la propria influenza sulla regione.

Denunciamo l’oppressione sul popolo palestinese da parte dello Stato israeliano,
ma anche da parte della borghesia libanese – Hezbollah incluso – che non concede i diritti civili alle centinaia di migliaia di profughi palestinesi sul loro territorio, ghettizzandoli nei campi profughi.

Denunciamo il cinico utilizzo del proletariato palestinese e libanese da parte dei governi iraniano e siriano, che reprimono spietatamente i lavoratori all’interno.

Denunciamo l’atteggiamento delle grandi potenze, Italia del governo Prodi inclusa, tese solo ad aumentare le rispettive influenze nella regione approfittando di oppressione e massacri.

Un risultato non secondario di tutti questi interventi e terrorismi è stato lo schiacciamento delle correnti comuniste all’interno del proletariato arabo, israeliano e iraniano, le uniche che possono allo stesso tempo lottare contro l’oppressione imperialista e nazionale, e per l’unità dei popoli su base libera in un Medio Oriente liberato dal capitalismo.

Nostro compito di comunisti nelle metropoli è organizzare l’opposizione internazionalista al nostro imperialismo e al suo governo, e dare anche in questo modo forza alle correnti che anche nel Medio Oriente lottano per la stessa prospettiva.

Nessuna pace duratura sarà possibile finché le popolazioni locali saranno messe l'una contro l'altra dagli interessi delle borghesie locali e delle potenze imperialiste.

Solo il sollevamento del proletariato potrà rimuovere i contrasti che lacerano la regione per il controllo delle sue risorse energetiche.

 
Argomenti trattati:
  • Libano
  • guerra

Login
Soprannome

Password

Security Code: Security Code
Type Security Code




Articolo più letto:
Il gioco di potenza della Russia nei Balcani



 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



 


You can syndicate our news using the file backend.php

   Get Firefox!