Moduli
· Home
· Abbonati al giornale
· Archivio
· FerroNews
· insiemecontroilrazzismo
· Volantini

Chi è Online
In questo momento ci sono, 0 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Languages


English French Italian

N°7 Pagine Marxiste - Marzo-Aprile 2005
FERRUCCIO GHINAGLIA
Capitoli di storia militante

Il 21 aprile 1921 viene assassinato dai fascisti FERRUCCIO GHINAGLIA
un internazionalista prima ancora che un antifascistaFerruccio Ghinaglia


Alla fine del ’17, mentre è ancora in atto la 1^guerra mondiale, arriva al collegio Ghislieri di Pavia uno studente in medicina, Ferruccio Ghinaglia. Lo accompagna una segnalazione della polizia di Cremona che lo indica come rivoluzionario, avendo il diciottenne pubblicato al liceo un giornale antimilitarista.
Passa qualche mese a Pavia perché la chiamata alle armi (gennaio 1918) lo riporterà, dopo una breve parentesi alla scuola ufficiali di Parma, a Cremona per terminare il servizio militare da semplice soldato e sotto sorveglianza speciale per le sue idee antimilitariste. Qui avrà modo di riprendere i contatti con i compagni della Federazione giovanile socialista.
Mentre i vertici del Partito Socialista si trincerano dietro il nullismo del “né aderire, né sabotare”, i giovani della Federazione socialista, incoraggiati anche dalle notizie sia pur confuse che arrivano dalla Russia, fanno, in molte città, propaganda contro la guerra.
Così fa Ghinaglia tra i giovani di Cremona. Finito il massacro imperialista, ispirato dall’esperienza rivoluzionaria russa, fonda e dirige “Il bolscevico”, un periodico di propaganda della federazione giovanile socialista cremonese, dove già si ravvisa l’impronta rivoluzionaria. Escono solo tre numeri perché il congedo, nel gennaio 1920, lo riporta a Pavia per proseguire gli studi.

Il biennio rosso

Le masse e i tempi sono maturi per il cambiamento, ma manca una coerente direzione politica. Solo i più giovani fra i socialisti si dichiarano, soprattutto in Lomellina, per la Frazione Comunista, e favorevoli a Bordiga; chiedono che si crei un’organizzazione solida e intransigente, che si abbandoni una politica interessata solo alla corsa elettorale, alla conquista delle poltrone, in Comune, nelle cooperative, nei sindacati.
Se qualche sparuto gruppo presenzia in aula VI alla fondazione del primo nucleo fascista (aprile 1919), molti altri giovani scelgono di essere a fianco degli operai e dei braccianti che, a Pavia come nel resto d’Italia, lottano per migliori condizioni di vita e di lavoro, per “fare come in Russia”.
I giovani della frazione comunista si mobilitano per appoggiare l’ondata rivendicativa dei braccianti che, nell’aprile del 1920, strappano agli agrari l’imponibile di manodopera, il controllo sul collocamento, le otto ore e consistenti aumenti salariali.
Scioperano le fabbriche, i dipendenti statali, i commessi…
Ghinaglia e i suoi compagni pubblicano un giornale “Vedetta Rossa” con lo slogan “Istruitevi, agitatevi, organizzatevi”.
Nessuna illusione elettoralistica in questo foglio: “…togliamoci la speranza di avere presto alla Camera la maggioranza dei rappresentanti dei lavoratori e siate pure convinti che, se la borghesia si accorgerà di essere sopraffatta dal voto proletario, la farà lei la rivoluzione contro di noi”. (Vedetta Rossa, 12 settembre 1920)
Nel settembre-ottobre 1920 si sviluppa nei maggiori centri del nord Italia l’occupazione delle fabbriche, che a Pavia interessa tra le altre la Necchi, la Moncalvi, la Torti.
L’esito fallimentare di tale battaglia è dovuto nel contempo all’incapacità dei massimalisti e al “tradimento” dei riformisti.

Il Partito Comunista d’Italia

Da questa sconfitta, sia pure tardivamente, Ghinaglia trae le sue conclusioni politiche: nell’articolo “O Lenin o Turati” del 12/10/1920 dichiara che si deve rompere con i riformisti, ma anche con chi in nome di una falsa unità vuol tenerli nel PSI. E riferendosi alle indicazioni della Terza Internazionale, fondata nel marzo del 1919, scrive: “Il congresso del proletariato rivoluzionario di tutto il mondo, presieduto da Lenin, a Mosca, li ha espulsi e ci ha imposto di espellerli dalle nostre organizzazioni. O con Lenin o con Turati. O per la rivoluzione o per le riforme borghesi. Noi siamo con Lenin, per la rivoluzione. Sentiamo di non poter aderire sinceramente al partito socialista, fino a che nelle sue file trovano posto dei controrivoluzionari. I Noske, gli Scheidemann vogliamo averli di fronte, non di fianco. Aleggia intorno a noi lo spirito di Karl Liebknecht. L’assassinato non può stare con gli assassini!”
Il 31 ottobre 1920 la mozione Ghinaglia di adesione alla Terza Internazionale ottiene 1276 voti contro 177 al congresso della F.G.S.I. pavese. Non così al congresso provinciale PSI, dove Ghinaglia raccoglie 727 voti (contro i 3.121 dei massimalisti).
Nel gennaio 1921 nasce a Livorno il PCd’I, sezione della Terza Internazionale, ma nasce in ritardo, quando l’ondata spontanea di protesta del proletariato è passata e già si profila la reazione fascista. A Livorno i pavesi danno 184 voti ai riformisti, 2.732 ai massimalisti, 922 a comunisti.
Nonostante l’arresto di alcuni militanti della Lomellina, il nucleo comunista a Pavia è febbrilmente attivo.
Nel febbraio 1921 sono costituite già 25 sezioni e 32 stanno per costituirsi. Il circolo giovanile “Karl Liebknecht” organizza riunioni di studio per studenti e operai. “Vedetta Rossa”, sequestrato per aver esaltato appunto Liebknecht, è sostituito da “Falce e Martello”.

Il fascismo

Negli stessi giorni i fascisti lomellini attaccano le leghe contadine di Soresina.
Il PSI si culla nell’illusione che le “le scorrerie fasciste servono magnificamente alla propaganda socialista… perché seminano lo sdegno fra le pacifiche popolazioni rurali” (Il Proletario, 8/4/1921).
Cominciano i roghi delle Camere del Lavoro, delle Leghe, delle Case del Popolo.
Ghinaglia su “Falce e Martello” (19/2/1921) scrive lucidamente: “Non dobbiamo illuderci che sia solamente il fascismo che terrorizza le piazze d’Italia; è la borghesia col suo governo, le sue spie, i suoi armati, che cerca tutti i mezzi per strangolare la volontà dei lavoratori… Non sono le sole organizzazioni fasciste, perché allora basterebbero le forze giovanili nostre per ridurre al silenzio questa gente, ma è tutta l’intera borghesia”.
Il 21 aprile 1921 Ghinaglia moriva assassinato dai fascisti.
Sere prima in Borgo Ticino, il rione popolare “fortilizio dei socialcomunisti” come dicevano i fascisti, Ghinaglia aveva parlato a una riunione operaia sulla necessità di reagire allo squadrismo. E al termine del comizio i bordighiani avevano attaccato e disperso un gruppo di fascisti che sui camion tornavano da una delle loro bravate notturne.
La sera del 21, Ghinaglia e i suoi compagni furono presi a rivoltellate. Colpito alla testa Ghinaglia morì all’istante. Afferma Arturo Bianchi, un fascista della prima ora, che Ghinaglia stava cantando l’Internazionale.
Morto Ghinaglia, il gruppo comunista pavese perse in parte slancio, ma proseguì la sua attività fino agli arresti di massa del 1927. I suoi dirigenti, Biazzoli e Dagradi, si schierarono con Fortichiari e Bordiga.
L’esempio di questi propugnatori della lotta internazionalista in Italia deve essere ripreso, dopo tre generazioni, per una ferma e decisa opposizione alle nuove guerre dell’imperialismo, e di quello di casa nostra in particolare.






A.M.

Pubblicato su: 2005-09-08 (1821 letture)

[ Indietro ]

 


You can syndicate our news using the file backend.php

   Get Firefox!